...negli ultimi sessantaquattro mesi siamo stati visitati da 123 paesi diversi, gli ultimi ? ...Uzbekistan, Nicaragua, Kirghizistan, Angola... ...qui trovate il nostro viaggio in IRLANDA...clikka qui !!!

martedì 27 settembre 2011

...oggi è il Pink Floyd Day !!!

...un giorno speciale per il gruppo preferito da papà !!!

...direzione Cienfuegos !!!

...ci rimettiamo in strada e raggiungiamo Cienfuegos, questa volta ci cerchiamo un posto decente per dormire visto che la volta precedenrte era stato da dimenticare. Andiamo a Villa Logarto, che non ha posto e finalmente spunta "Villa Estensia", proprio accanto, gestita da Keyla e sua madre Miriam. C'è anche la figlia di otto anni Marian con cui lego subito.
L'ambiente è molto carino con una veranda che ha una stupenda vista mare con le solite sedie a dondolo. La casa è fatta di legno ed è tutta gialla. Anche Keyla è subito carina e disponibile. Ci prepara una limonata buonissima. La seconda cosa da fare è la prenotazione della gita di domani a El Nicho e così andiamo in agenzia, ma prima una sosta da Coppelia dove mangiamo due ottimi gelati a cinque pesos cubani. In agenzia prenotiamo e poi via verso la casetta gialla dove mamma e papà si concedono una rilassante fumata.
Decidiamo di rilassarci un pò nella piscina di Villa Lagarto e prenotiamo cena lì, visto che da Keyla non si cena per "vacaciones".
A me non sembra vero di aver trovato qualcuno con cui giocare e mamma e papà fanno fatica a distogliermi dalla mia nuova amichetta. Ci prepariamo e ci gustiamo l'ottima cena a Villa Logarto con vista mare e cielo stellato. Contesto bellissimo, cena ottima ma cara. Chiacchieriamo un pò con degli italiani e poi andiamo nel centro di Cienfuegos alla ricerca di un pò di musica cubana. Rimaniamo delusi perchè non c'è nulla a parte il teatro dove lo spettacolo è già iniziato e un altro locale dove io non sono ammessa. Si va a dormire, troppo stanchi !!!

lunedì 26 settembre 2011

...museo del Chè Guevara a Santa Clara !!!


...ci avviamo verso Santa Clara dove visitiamo il museo "sacro" del Chè Guevara e dopo una pausa pranzo a base di pizzette cubane, cerchiamo la fabbrica di sigari che risulterà chiusa. Da segnalare la rottura di una lente degli occhiali da sole di papà. Vi lascio immaginare le risate che ci ha fatto fare...
Pausa gelato alla guayaba, buonissimo.

...al museo della canna da zucchero !!!


...(3 ago) ...oggi giorno di visite e spostamento, andiamo a visitare il museo della canna da zucchero dove ci illustrano i procedimenti per arrivare al prodotto finito, come si faceva una volta con i vecchi strumenti e con gli strumenti attuali. Incredibile la mia faccia mentre la canna da zucchero entra dentro una pressa dalla quale esce un liquido dolcissimo dal gusto molto "naturale".
Ripassiamo per Remedios e andiamo a salutare Mattia che ci saluta quasi con le lacrime. Che momento tenero !!!

venerdì 23 settembre 2011

...a zonzo per Remedios !!!

...si torna verso casa. Sono distrutta. Giunti a destinazione mamma e papà decidono di fare una fumata pomeridiana. Visto che è ancora presto decidiamo di visitare un pò Remedios con la sua piazza e la sua bellissima chiesa e incontriamo il papà di quella bimba della sera prima. Si chiama Mattia e ci porta a fare un giro per Remedios sul suo bicitaxi. Ci porta persino a casa sua per farci conoscere la sua famiglia. Rivediamo la figlia e conosciamo il figlio più piccolo. Andiamo in giro con lui ed è un momento molto toccante, non tanto per le cose da vedere ma per l'umanità di questo ragazzo e per la familiarità che si respira.
Ci prende le banane più buone per farcele assaggiare e ci regala il torrone di Remedios, la specialità del posto. Alla fine del giro ci prendiamo un mojito nella piazza principale e lui mi porta ancora a fare un giretto col ciclotaxi.
Ad un certo punto papà si sofferma davanti ad una barberia ed ha la brillante idea di farsi fare la barba !!! L'immagine di papà, sdraiato su quella poltroncina con il barbiere che faceva su e giù con il suo rasoio rimarrà come uno momenti più belli della vacanza. Che ridere !!!
Torniamo a casa per cena, ma purtroppo la cena è pessima. Usciamo di nuovo a fare una passeggiata, ma e pà narghilè e indovinate ? ...nanna !!!

...Cayo Santa Maria !!!

...(2 ago) ...oggi si va al mare, precisamente Playa Perla Blanca a Cayo Santa Maria, arriviamo in questa spiaggia praticamente deserta e finalmente una spiaggia degna di questo nome. E' davvero bella, ma per essere "precisini" Playa Pilar la supera in bellezza. Il mare è caldissimo e bellissimo e così ci crogioliamo tra bagni e sole accecante. Passeggiamo anche un pò, ma dopo quattro o cinque ore siamo davvero cotti !!!

giovedì 22 settembre 2011

...www.rebeccatrex.com !!!

...ragazzi, il racconto sul viaggio a Cuba ha fatto letteralmente volare il numero delle visite !!! ...grazie a tutti !!!

...direzione Remedios !!!

...(1 ago) ...mentre facciamo colazione mamma mi scorge essere incuriosita dalla signora che ce l'ha preparata. Risolto il mistero, somiglia a nonna "Cia"...
Oggi ci aspetta lo spostamento verso Remedios. La strada è meglio di quello che ci aspettavamo, il paesaggio è molto verde e vario.
Arriviamo a Remedios ma la casa particular prenotata da Maria è occupata. Ormai ci siamo abituati. Ne vediamo alcune e alla fine finiamo proprio in quella che ci aveva indicato Pepe. Casa Estaucia è una bella casa coloniale tutta immersa nel verde. Peccato che i padroni di casa non siano particolarmente calorosi. Il tempo non è molto bello per girare per Remedios e così dopo aver mangiato un panino nella piazza del paese decidiamo di avviarci verso il mare.
La strada verso Cayo Santa Maria (anche qui una strada che attraversa il mare) è lunga circa cinquanta chilometri. Ci fermiamo a Playa Las Salinas. Ma la spiaggia è davvero sporca. Ci delude molto così dopo esserci sciroppati quei chilometri decidiamo di tornare a casa. Dormo lungo il tragitto e mamma finisce per leggere la parte storica di Cuba.
Arriviamo a casa, doccia e via per cena. Avevamo prenotato in un'altra casa particular in cui non avevamo trovato posto a dormire, ma davvero carina. Qui mangiamo benissimo, mamma e papà aragoste ed io filetto di pesce. Che bontà !!!
Facciamo due passi ma il paese è davvero fin troppo tranquillo. Non ci sono locali e l'unica musica che si sente è quella in piazza sparata dalle casse. Mi diverto lo stesso e trova una bimba molto più piccola di me con cui ballare. Siamo carinissime insieme. Salutiamo bimba e papà e via a nanna. Stasera i miei genitori si sono pianificati un narghilè !!!

mercoledì 21 settembre 2011

...magica Playa Pilar !!!

...dopo pranzo ci rechiamo a Playa Pilar che resterà nei nostri ricordi come la spiaggia più bella di tutta Cuba (si dice che sia la più bella spiaggia dell'America latina). Rimaniamo senza parole, tra i colori del mare, della sabbia e del cielo. Ci godiamo infiniti bagni, passeggiate, sole e panorami mozzafiato. E' veramente una meraviglia !!!
Ci fermiamo in albergo per una doccia di "rapina" e snack e poi via verso Moron. Sulla strada del ritorno ci fermiamo a fotografare i fenicotteri rosa. Io mi addormento e mamma ne approfitta per leggere la storia di Cuba sulla Lonely Planet.
Troviamo una casa particular comoda. Stasera siamo ben stanchi e ci trasciniamo in una specie di pizzeria. Pizza da dimenticare e giù, troppo sonno !!!

...Cayo Guillelmo !!!

...(31 lug) ...dopo la colazione (pessima) fuggiamo verso il mare che merita davvero. Stiamo tutta la mattina a "sguazzare" e a correre su e giù sul pontile in legno che ci regala un bel colpo d'occhio sulla spiaggia e sul mare. Mamma mia quanti salti dal pontile !!!

martedì 20 settembre 2011

...Iznaga e direzione Cayo Coco !!!

...(30 lug) ...ultima colazione da Maria (sigh !!!) che salutiamo con rammarico. Siamo stati proprio bene. Salutare Trinidad è stato davvero dura perchè qui lasciamo un pezzetto di cuore.
Oggi lo spostamento sarà lungo ma sono previste delle soste. La prima sosta è alla valle dello Ingenios, dove spicca la torre Iznaga altissima, da cui l'antico proprietario terriero controllava la piantagione e gli schiavi. Lo scopo non ci entusiasma, ma la torre in sè ha un bellissimo colpo d'occhio su tutta la valle. Stupendo !!!
Riprendiamo la strada per Sancti Spiritus dove è prevista un'altra sosta. La cittadina è assolutamente insignificante e la pizza che mangiamo per pranzo è acida. Così scappiamo via verso Ciego de Avila ma una pioggia torrenziale non ci abbandona per lunghi tratti. Apprendiamo solo più tardi che su Santiago de Cuba imperversava un uragano !!!
Ad un certo punto ci tocca persino guadare un vero e proprio fiume d'acqua che si è formato in un paesino che dobbiamo per forza attraversare. Momento di panico perchè se l'auto si ferma sicuro siamo spacciati, ma per fortuna la nostra piccola Atos non ci abbandona. Che tempra !!!
Avevamo deciso di fermarci a Moron per la notte, ma visto che anche questo paesino è assolutamente anonimo, decidiamo di procedere fino all'agenzia Cubanacan che si trova poco prima del pedaggio per Cayo Coco a vedere se c'è posto per dormire in un resort. Troviamo posto in un all-inclusive a Cayo Guillelmo. Il posto si chiama Iberotel Daiquiri. L'agente della Cubanacan è davvero stordito e ci fa perdere un sacco di tempo e alla fine scopriamo che non si può neanche pagare con carta di credito ma solo con contanti e così optiamo per dormirci una sola notte.
Alle 17.30 arriviamo finalmente al resort. Abbiamo ancora tempo per un lungo bagno in un mare stupendo e prendere confidenza con la struttura. Qui è all-inclusive e dopo tanti giorni a contatto con la vera Cuba ci sta tutto molto stretto. Il posto è bello ma la qualità del cibo è pessima. Comunque ci stiamo il tempo giusto per vedere un pò la spiagge D.O.C. per eccellenza. Dopo cena arriviamo fino al locale affianco per vedere gente che balla in acqua !!! Guardiamo le stelle, bellissime e vicinissime e poi a nanna perchè siamo distrutti !!!

...ultima serata a Trinidad !!! ...Sigh !!!

...riprendiamo la via dei sali e scendi fino a che torniamo a casa di Maria. Io riposo un pò e gli eroici si rilassiano nel bellissimo patio di questa casa con narghilè e mojito.
Ci fermiamo a cena di nuovo da Maria e mangiamo benissimo. Passiamo da Rogelio e Barbara per salutarli e fare una foto insieme. Questa è l'ultima sera a Trinidad per cui passiamo al Palenque per vedere i ballerini di rumba, ma purtroppo arriviamo a fine spettacolo e così torniamo alla Casa della Musica. Ci sediamo sulla scalinata per gustarci un pò di musica e ci facciamo un pò di foto spiritose per non dimenticare quel momento.
Per fortuna abbiamo modo di vedere anche Alessandra e Stefano e ci salutiamo con loro con l'impegno di rivederci nelle nostre rispettive città.
Si torna a casa per la nanna, ma anche qui prima di congedarci, facciamo delle foto con Maria, Endy e la figlia con cui ho giocato volentieri un paio di sere. Noi bimbi anche se di lingue diverse troviamo sempre il modo di capirci...

lunedì 19 settembre 2011

venerdì 16 settembre 2011

...tour a Topes de Collantes !!!

...(29 lug) ...dopo un'ottima colazione (non avevamo dubbi) ci dirigiamo a Topes de Collantes. La zona si rivela verdissima e piena di palme reali altissime. Ci fermiamo al primo mirador e poi tra tanti sali e scendi troviamo un chioschetto di frutta dove conosciamo Alex, che ci convince ad assaggiare prima la manzana-pera, un frutto che cresce solo a topes e poi prepara un succo con questo frutto a mamma e papà e un batida (frullato) di banana per me. I più buoni della vacanza.
Per cinquanta centevos beviamo dei succhi fantastici. Ci allontaniamo da qui per recarci ad un altro mirador da dove c'è una bellissima vista sul lago. Percorriamo la strada a ritroso e decidiamo di fermarci di nuovo dal nostro amico fruttivendolo. Ci fermiamo un pò a chiacchierare con lui e ci racconta la sua vita lì, che è difficile sì ma ci regala alla fine una perla di saggezza dicendoci "il lavoro è vita", è dignità". Beviamo in sua compagnia altri succhi (di mamey e pina) e un pò a malincuore lo salutiamo per continuare il nostro giro.
Questa volta ci fermiamo a visitare la casa del caffè coi suoi antichi strumenti. Visitiamo una piantagione di caffè, ma scappiamo via velocemente assaliti da fameliche formiche !!! Abbiamo però imparato a riconoscere la pianta del caffè.